La legislazione comunitaria trova la sua fonte primaria neile norme covenzionali contenute nei Trattati europei, ossia i Trattati istitutivi delle Comunità europee e i  successivi Trattati di modifica.

Le norme primarie stabiliscono le procedure per l’adozione degli atti da parte delle Istituzioni europee, che si pongono pertanto al secondo livello del sistema giuridico comunitario e costituiscono il c.d. “diritto comunitario derivato”. Si dividono in atti vincolanti e in atti non vincolanti per gli Stati membri.

Il nuovo trattato (Trattato di Lisbona,  entrato in vigore il 1° dicembre 2009) introduce il concetto di atto legislativo, finora assente nel diritto comunitario e dell'Unione. Si opera una distinzione, con conseguenze di vasta portata, tra gli atti legislativi e tutti gli altri tipi di atti (non legislativi). Si definisce atto legislativo un atto giuridico adottato mediante procedura legislativa ordinaria o speciale (ad esempio regolamenti o direttive).

1. ATTI VINCOLANTI PER GLI STATI MEMBRI

 

REGOLAMENTI
Un regolamento è un atto legislativo di portata generale, obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabili negli Stati membri. La diretta applicabilità sta a significare che il regolamento acquista efficacia nello Stato membro senza che sia necessario un atto di ricezione o di adattamento da parte dei singoli ordinamenti.

DIRETTIVE
La direttiva vincolano lo Stato membro cui è rivolta per quanto riguarda il risultato da raggiungere, cioè impone un’obbligazione di risultato. Può essere direttamente invocata dal cittadino davanti al giudice ordinario nazionale che disapplicherà la norma nazionale in contrasto con la Direttiva comunitaria.

DECISIONI
La decisione è un atto obbligatorio in tutti i i suoi  elementi per i destinatari designati: richiede, pertanto,  la precisa individuazione dei suoi destinatari.

 


2. ATTI NON VINCOLANTI  PER GLI STATI MEMBRI

RACCOMANDAZIONI
Si tratta di atti raramente previsti nel Trattato e non vincolanti per i destinatari. La Commissione ha un potere generale di raccomandazione.

PARERI
Un parere è uno strumento che permette alle istituzioni e agli organi dell'Unione  di esprimere la loro posizione senza imporre obblighi giuridici ai destinatari. Un parere  può essere obbligatorio o facoltativo, ma non è mai vincolante. Può essere emesso dalle principali istituzioni dell'UE (Commissione, Consiglio, Parlamento) o dai cd. "organi consultivi", ossia dal Comitato delle regioni e dal Comitato economico e sociale europeo. Durante il processo legislativo, i comitati emettono pareri che riflettono il loro specifico punto di vista, regionale o economico e sociale.
 

ACCORDI DELLA COMUNITÀ CON GLI STATI TERZI
La Comunità può sempre stipulare accordi con i Paesi terzi.



 

Tutti i documenti di rilevanza giuridica elaborati dalle Istituzioni Europee sono pubblicati sulla GUCE, Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee, che viene pubblicata tutti i giorni lavorativi nelle lingue ufficiali della Unione. E’ composta dalla serie L (legislazione) e dalla serie C (informazioni, atti preparatori, avvisi, bandi ecc.)

 

I documenti Ufficiali del Parlamento Europeo, come la Gazzetta, sono pubblicati in Serie:

 

  • la A che contiene tutte le relazioni presentate dalla Commissione alla Seduta Plenaria;
  • la B che contiene documenti vari, sempre da sottoporre alla seduta plenaria, come mozioni di censura, proposte di risoluzione, interrogazioni ecc;
  • la C che contiene documenti provenienti da altre istituzioni come documenti di bilancio, trattati, accordi ecc.

 

 

Ogni anno la Commissione Europea pubblica la Relazione Generale sull’Attività dell’Unione Europea. Presentata al Parlamento nel febbraio di ogni anno fornisce un panorama generale sull’attività svolta dall’Unione nell’anno in corso.

 

Il Bollettino dell’Unione Europea fornisce, invece, un quadro generale mensile delle attività della Commissione. Viene pubblicato dieci volte all’anno in tutte le lingue ufficiali della Unione.

 

Da qualche anno è possibile accedere gratuitamente, attraverso appositi siti internet, alla normativa comunitaria.

 

Siti internet dedicati:

 

EURLEX : offre un accesso diretto e gratuito al diritto dell´Unione europea. Consente la consultazione della Gazzetta ufficiale dell’Unione europea, dei trattati, del diritto derivato, della giurisprudenza e degli atti preparatori della legislazione. Per quanto riguarda la Gazzetta ufficiale è sufficiente accedere alla sezione dedicata, selezionare l’anno, la serie (L o C) ed il numero del documento che si sta ricercando, ed eseguire la ricerca. Per il diritto in generale è invece possibile accedere alla sezione “Ricerca semplice” ed effettuare una ricerca scegliendo tra una delle seguenti quattro modalità:

 

1. Ricerca generale (Parole, Data o periodo, Autore, Argomento, Parole chiave): consigliabile nel caso in cui non si abbiano i riferimenti esatti della normativa che si sta cercando;

2. Per numero del documento: occorre selezionare il tipo di normativa che si sta ricercando, l’anno ed il numero;

3. Per categoria (Trattati, Legislazione, Lavori preparatori, Giurisprudenza, Interrogazioni parlamentari);

4. Con riferimenti di pubblicazione: nel caso in cui si abbiano i riferimenti della pubblicazione della Gazzetta Ufficiale o della Raccolta della Giurisprudenza. Una volta effettuata una ricerca è sempre possibili affinare i risultati ottenuti mediante una nuova ricerca da effettuarsi sulla base di uno dei criteri ora esposti.

 

SCADPLUS : offre delle utili schede sintetiche della legislazione comunitaria organizzata per settori tematici.

 

PRELEX : permette di seguire le tappe del processo decisionale tra la Commissione e le altre istituzioni (procedura, decisioni delle istituzioni, persone coinvolte, servizi responsabili, riferimenti di documenti) e di seguire i lavori delle diverse istituzioni implicate. Sono presenti tutte le proposte e le comunicazioni della Commissione a partire dalla loro trasmissione al Consiglio o al Parlamento europeo. La modalità di ricerca semplice permette di individuare un documento del quale si conoscono esattamente gli estremi (indicando il tipo di documento che si sta ricercando, l’anno ed il numero) o di effettuare una ricerca di tipo testuale (inserendo le parole di interesse).

 

Vai all'inizio della pagina
JSN Boot template designed by JoomlaShine.com